testata (1)
Numero 471 del 19 luglio 2019

L'Editoriale Emergenza Lombardia

Ormai si parla di Lombardia solo per quello che accade nei pressi dei palazzi di giustizia.
La possibilità che (giustamente) vengano concessi gli arresti domiciliari a Formigoni; la condanna a 5 anni e 6 mesi per l’ex vicepresidente Mantovani (a proposito, bene, invece, per l’ex assessore ed attuale viceministro Garavaglia che ha dimostrato la sua estraneità ai fatti); le inchieste sul cosiddetto Russiagate che arrivano fin dentro l’istituzione lombarda (Savoini è vicepresidente del Corecom); i media, più o meno social, parlano della Lombardia solo per questi motivi.
Che fine hanno fatto la buona politica e la buona amministrazione che i lombardi, non solo di centrodestra, avevano sempre orgogliosamente associato alla propria regione?
La nostra sensazione è che la regione abbia smesso da tempo di far politica, affidandosi a una gestione ordinaria, e spesso grigia, di vicende amministrative che si trascinano sostanzialmente uguali a se stesse e tendono a perpetuare un sistema che garantisce a una parte politica di governare la regione da più di vent’anni.
E’ per questo che ci permettiamo di parlare di “Emergenza Lombardia”: se l’unica cosa che è in grado di fare la nostra regione è protestare per un’autonomia che non arriva, c’è più di qualche problema.
La Lombardia, senza autonomia, è arrivata ad essere una delle più importanti regioni d’Europa, ma è un primato che, come la conquista della Luna, rischia di diventare solo un bel ricordo se di Lombardia, come accade da troppo tempo, si parla solo per le vicende giudiziarie che la riguardano a vario titolo.

In primo piano: verso l'assestamento di bilancio...

EmergenzaLombardia

SAVOINI SI DEVE DIMETTERE DAL CORECOM

Dal 2013 il leghista del Metropol è vicepresidente del comitato regionale per le comunicazioni
Salvini non risponde al Parlamento, Fontana non risponde sulla nomina di Savoini al comitato regionale per le comunicazioni: la Lega è in fuga. A dieci giorni dalla pubblicazione dei file audio dell’incontro al Metropol sul sito americano Buzzfeed sono usciti molti dettagli, a partire dal fatto che la trattativa c’è stata eccome ed è andata avanti per mesi, e che Salvini e Savoini erano a Mosca insieme. A carico di quest’ultimo è stato anche aperto un fascicolo in procura a Milano con l’ipotesi di corruzione internazionale. Per quanto ci riguarda da vicino, Savoini non ha le caratteristiche per ricoprire l’incarico in Regione: si deve dimettere.

Consumo di suolo: SI RIPARTA DALLA RIGENERAZIONE URBANA

La Corte costituzionale ha giudicato illegittima la legge regionale
La Corte costituzionale ha dichiarato illegittima una norma della legge sul consumo di suolo in Lombardia, la 31/2014, che impediva ai Comuni di ridurre le aree edificabili nei Pgt. La legge, come aveva già denunciato allora il Pd, inascoltato, ha permesso, se non assecondato, la cementificazione. Ora è necessario voltare pagina e ripartire da una politica improntata alla rigenerazione urbana.

stazioni no slot

Il PD chiede di vietare il gioco d'azzardo anche nei locali pubblici delle stazioni ferroviarie
Prossimamente saranno rinnovati i contratti di locazione di molti esercizi pubblici collocati all'interno delle stazioni ferroviarie lombarde. Un'ottima occasione per chiedere all'assessore Terzi se nei bandi di Rfi e di Fnm sia previsto il divieto di installazione di slot machine e di qualsiasi altro sistema di gioco d'azzardo, dal momento che ne è stata segnalata la presenza in diversi scali della nostra regione. Le stazioni devono diventare luoghi di presidio e non di abbandono.

MANTOVANI CONDANNATO A CINQUE ANNI E SEI MESI

Corruzione e concussione: era il vice di Maroni e assessore alla sanità lombarda
Il tribunale di Milano ha condannato in primo grado a cinque anni e sei mesi di reclusione l’ex vicepresidente della Regione Lombardia ed ex assessore alla sanità Mario Mantovani. I giudici lo hanno ritenuto colpevole di turbativa d’asta, corruzione e concussione. Il politico ex Forza Italia, ora con Fratelli d’Italia, secondo l’accusa era a capo di un “sistema di favori” e gestiva un "groviglio di interessi pubblici e privati che si concentrava nella sua figura, un sistema gestito anche dal suo entourage e dalle sue persone di fiducia."
Mantovani governava la sanità lombarda, di cui si occupava anche Fabio Rizzi, il presidente della commissione consiliare, anch’egli condannato per tangenti.

A SCUOLA SENZA DISPERSIONE

Le politiche educative di Regione Lombardia al centro di alcuni emendamenti del Gruppo Pd
Politiche educative al centro degli emendamenti del Gruppo regionale del Pd che sta preparando le sue richieste in vista dell’assestamento di bilancio che si discuterà la prossima settimana. In particolare, si vuole impegnare Regione Lombardia, con emendamenti e ordini del giorno, a programmare interventi contro la dispersione scolastica, per contrastare il fenomeno, e a favore di maggiore prevenzione della povertà educativa. Interventi e richieste anche su buono scuola, formazione professionale e diritto allo studio.

VIABILITà LOMBARDA PER STRADA

Molti collegamenti fondamentali non passeranno ad Anas, a rischio gli interventi previsti per la loro riqualificazione
Lo ha deciso qualche giorno fa la commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera che ha dato parere negativo alla richiesta formulata dalle Province lombarde di cedere alcune tratte di grande percorrenza ad Anas. Un passaggio che avrebbe reso possibile un serio progetto di riqualificazione per molte strade della nostra regione. A questo punto, la giunta dove pensa di trovare le risorse necessarie per far fronte a investimenti urgenti e fondamentali anche per la nostra economia?
facebook twitter youtube instagram

Gruppo Consiliare PD in Regione Lombardia

NOVITA'
settegiorniPD
n.registrazione: 627 del 5 novembre 2001
Direttore responsabile: Fabio Pizzul
Redazione: Maria Rosa Donadelli, Elena La Mura, Laura Piccioni,
Laura Sebastianutti, Stefano Tessera
www.pdregionelombardia.it